events

Garden Music di Francesco Cuoghi e Maurizio Barbetti a La Serpara , il giardino di sculture di Paul Wiedmer

La Serpara è felice di annunciare il primo evento dell’estate 2020 nel giardino di sculture di Paul Wiedmer a Civitella d’Agliano (VT). Dopo il grande successo della riapertura con visite guidate dopo il lockdown l’associazione culturale La Serpara insieme all’associazione Today's Music Rome propone il concerto GARDEN MUSIC di Maurizio Barbetti (viola, viola elettrica) e Francesco Cuoghi (chitarra, Chitarra Elettrica) l’11 Luglio alle ore 20.00.
Per l’occasione  il giardino di sculture aprirà alle ore 19.00 per dare la possibilità di visitare liberamente il giardino prima della performance. Sarà l’occasione per sostenere l’associazione La Serpara facendo la tessera.


Garden Music nasce dalla necessità di trovare nuovi spazi in tempi di distanziamento sociale. Oppure è un ribaltamento dello spazio acustico, ripensato e riproposto attraverso il mondo dell’arte e della scultura, dove ‘interno’ ed ’esterno’ interagiscono con il mondo degli oggetti. I suoni in un giardino, diventano a loro volta oggetti temporanei intorno alle cose, ed esattamente alle cose che quel giardino preziosamente trattiene. Suoni organizzati e spazi artistici che qui vengono evidenziati e assimilati: land art, installazioni sonore, soundscape sino all’ecologia dell’ascolto. Un’aura in presenza, un ‘hic e nunc’ con chitarra, viola ed elettronica, intorno alle sculture e intorno agli oggetti del giardino o del museo a cielo aperto. La parola, infine, ai compositori o agli stessi interpreti o improvvisatori, per chiudere o aprire le domande che l’arte tutta saggiamente ci ripropone.

 

Nelle performance opere di: Karlheinz Essl, Ronald Bruce Smith, Riccardo Sinigaglia, Frederic Rzewski, Alain Hovanes, Domenico Gabrielli, Terry Riley

 

Per l’evento è gradita la prenotazione: +39 0761914071 / wiedo@libero.it


Programma:
19.00 apertura del giardino
20.00 Garden Music
21.30 chiusura del giardino

    

 

Maurizio Barbetti (viola)

Dopo il Diploma di Viola ottenuto al Conservatorio Rossini di Pesaro si perfeziona con Aldo Bennici. Frequenta i Ferienkurse di Darmstadt studiando con Stefan Georghiu e Irvine Arditti; quest'ultimo gli consegnerà il Darmstadt Preis nel 1992. Nello stesso anno vince anche il Premio Internazionale di interpretazione Iannis Xenakis di Parigi

Dal 1992 Barbetti si dedica completamente al concertismo e si esibisce come solista nelle più importanti sale del mondo: La Scala di Milano; Filarmonica di Berlino; Radio di Berlino (eseguendo “Mixtur” di Karlheinz Stockausen alla presenza del compositore) Mozarteum di Salisburgo; Opera di Nizza; Biennale di Venezia; Fondazione Gulbenkian di Lisbona; Amburgo (Staatsoper); Cochrane Theater di Londra; Darmstadt; Koln (Wdr); Witten, Francoforte; Hannover; Heilbronn; Rottenburg (Sudwestfunk); Wurzburg; Bonn; Bremen (Radio Bremen); Dresda; Lipsia; Monaco (Konzerthaus, registrando per la Bayerisher Rundfunk il concerto per viola di K.K. Hubler diretto da Robert HP Platz); Friburgo; Baden Baden; Bamberg; Belfast (Bbc); Parigi (Radio France); Strasburgo (Parlamento Europeo); Lyon (Grame); Orleans (Semaines Musicales Internationales); Lille; Siena (Accademia Chigiana); Auditorium di Milano; Roma (Teatro Nazionale); Conservatorio di Milano; Venezia (Sonopolis, Teatro La Fenice); Torino; Madrid (Centro Bellas Artes; Centro Reina Sofia); Oporto; Mexico (Festival Internacional Cervantino); Rotterdam (Igic); Tel Aviv; Jerusalem; Bucharest (Ateneum); Innsbruck (Konservatorium); Finland (Time of Music); Vienna; Sapporo; Tokyo……. spesso accompagnato da prestigiosi gruppi come l'Ensemble Koln (di cui è stato prima viola solista dal '92 al '96); l'Ensemble Recherche Freiburg; Ensemble Concorde Dublin; Icarus Ensemble; Roma Sinfonietta; Monesis Ensemble; Modus Novus di Madrid e da importanti orchestre come Orchestra dell'Opera di Nizza; Orchestra della Radiotelevisione di Dublino, Orchestra Internazionale d'Italia; Euroasian Philarmonic Orchestra di Seul. Ha eseguito in prima Irlandese “Chemins II” di Berio per viola e orchestra con l’Orchestra della Radiotelevisione di Dublino diretta da Friedrich Goldmann. (Il direttore del “Prometeo” di Luigi Nono). Il Concerto è stato trasmesso in diretta dalla BBC Radio3.

Particolarmente attento alla produzione di musica "nuova", importanti compositori di tutto il mondo gli hanno dedicato opere per viola, tra questi Paul Mèfano, Ennio Morricone, Luis de Pablo e Horatiu Radulescu. Di Ennio Morricone ha eseguito e inciso in prima mondiale il suo concerto per viola e orchestra, di Luis de Pablo, ha recentemente eseguito in prima mondiale il brano “Anatomias” per viola e ensemble al Centro Reina Sofia di Madrid.Collabora col “Living Theatre” di New York.

Maurizio Barbetti tiene Master Class in importanti istituzioni come all’ Irino Prize Foundation di Tokyo; Kunitachi College of Music (Tokyo); Tokyo Gakugei University; Toho Gakuen College of Drama and Music (Tokyo); Viitasaari Summer Academy (Finlandia), il Centro Nacional de Bellas Artes di Città del Messico; The Lucero Master Class a Parigi, Accademia Tema di Milano.

Registra per la Sudwestfunk; SFW di Berlino; WDR di Colonia; Radio France; Radiotelevisione Irlandese; Swisse Romande; Rai, Rai Sat oltre che per gli enti radiofonici e televisivi inglesi, messicani, giapponesi, austriaci, israeliani. Ha inoltre inciso, fra le altre, per le etichette discografiche Mode Records di New York e Col Legno di Baden Baden.

Ha insegnato nei Conservatori di Mantova, La Spezia, Matera, Reggio Emilia e all’Accademia Internazionale della Musica di Milano.

 

Francesco Cuoghi (chitarra)

si è diplomato presso il Conservatorio S.Pietro a Majella di Napoli. Ha frequentato i Seminari dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena, l’Atelier de Recherche Instrumentale dell’IRCAM di Parigi, i Ferienkurse di Darmstadt. Ha inoltre studiato composizione privatamente con Nazario Carlo Bellandi e Aldo Clementi; musica elettronica (Max/MSP) alla F.P.A. dell’Ottava di Roma. E’ titolare della cattedra di chitarra presso il Conservatorio L.Cherubini di Firenze.

Suona su copie di strumenti d’epoca e vari strumenti moderni: chitarra a dieci corde, chitarra elettrica, chitarra midi. Dal 1985 ha iniziato l’esecuzione di opere con Live electronics con vari dispositivi elettroacustici. Con la nuova generazione dei microprocessori utilizza software dedicati audio-video: Max5, Csound, etc.

Svolge attività concertistica come solista e in formazioni da camera. Ha suonato in Italia e in Europa nelle rassegne: Festival delle Accademie Estere (Roma), Fabrikomposition (Zurigo), Concert de Ville (Ginevra), La chiesa di Vivaldi a Venezia (Venezia), Contemporanea-Musica nel nostro tempo (Teramo), ecc. Particolarmente attivo nella musica contemporanea ha fatto parte dell’"Ex Novo Ensemble" di Venezia, del "Gruppo di Roma", (direttore G.Sinopoli), ha tenuto prime esecuzioni di: F.Pennisi, A.Brizzi, M.Molteni, G.Giuliano, E.Zaffiri, M.Giri, W.Branchi registrando per Edipan, Rugginenti, R.A.I.

Nel 1986 è stato tra i fondatori dell’Associazione Musicale Orphée di Pesaro per la promozione degli strumenti a pizzico (chitarra, arpa, clavicembalo, liuto) ed è direttore artistico dell’ "Ensemble Orphée". All’interno dell’associazione ha svolto ininterrottamente attività musicale attraverso manifestazioni concertistiche, corsi di perfezionamento (Gradara, Orta S.Giulio), convegni: Minimal music, Anton Webern, Roland Barthes e la musica, Giovanna Sandri, Notazione, (Urbino, Roma); ha pubblicato articoli su: A.Hába, B.Maderna, Steve Reich, ecc. Ha scritto varie composizioni per chitarra sola e con strumentazione elettronica.

La Serpara, il giardino di sculture di Paul Wiedmer, è felice di poter comunicare la riapertura a partire dal 1 Giugno 2020.  Il giardino è visitabile solo su appuntamento.

Per garantire la sicurezza dei nostri visitatori l’accesso a La Serpara è consentito soltanto con visita guidata. I visitatori dovranno essere dotati di mascherina. I gruppi possono essere di massimo 10 persone nel rispetto del distanziamento sociale, e da quanto stabilito nelle ordinanze regionali.


Purtroppo a causa del covid-19 siamo stati costretti ad annullare per la prima volta dopo 23 anni la grande festa di inaugurazione delle opere nel giardino di sculture di Paul Wiedmer a Civitella d'Agliano.
Il lavoro di Susanne Neumann, l'artista invitata per il 2020 https://erdel.de/index.php/susanne-neumann-artspace-erdel?fbclid=IwAR3D-D6-79glKBa1JWJPHf9rpyKZ4nj1EzpfNmVOY66NC0AAC__Ob4mCkh0 verrà realizzato ed inaugurato nel 2021.

Nel frattempo vi aspettiamo con la mostra speciale “Pilastri della società” di Paul Wiedmer nel Padiglione Serpara.


“Stützen der Gesellschaft (2011-2016) sono i tredici puntelli a croce ispirati al dramma I pilastri della società di Henrik Ibsen. Inno allo spirito di verità e di libertà, l’opera teatrale del 1877 è la prima nella quale lo scrittore norvegese ha mostrato i problemi dell’individuo di fronte alle pretese della società e avviato la personale battaglia contro la falsità e la mancanza di morale borghese. Wiedmer restituisce forma visiva ai “pilastri della società” con un’installazione di puntelli impiegati in edilizia ricoperti da colori brillanti e da forme metalliche saldate, trionfo del gioco e della libertà: lune, dischi, molle, pomelli. Le forme, allusive all’universo femminile, rimandano con leggerezza alle donne protagoniste di questa come di molte altre opere ibseniane.”

Federico Gavazzi per la mostra Ferro, Forme, Energia presso la Fondazione Hermann Geiger, Cecina, nel 2017 

Le visite guidate possono essere prenotate wiedo@libero.it o tel. 0761914071.
 


La Serpara

Paul Wiedmer, Jacqueline Dolder,  
Samuele Vesuvio, Angela Wahr

© 2017 by La Serpara © Paul Wiedmer, Jacqueline Dolder, Samuele Vesuvio

La Serpara|01020|Civitella d'Agliano|VT|Italia

  • White Instagram Icon
  • Facebook Clean